IL TEAM LEADER

Immagine

 

Chiamasi team leader quell’essere mitologico, di sesso maschile o femminile, che affolla qualsiasi call center ed ha il compito e l’obiettivo di spronare motivare gli operatori/le operatrici (ci soffermeremo poi sui due termini utilizzati e sul modo in cui questi obiettivi vengono perseguiti…).

Il suo habitat, in cui è solitamente avvistato, è un call center di qualsiasi grandezza, prodotto, modalità; gli studi scientifici dimostrano che il suo cibo preferito è il chewing gum, masticato a tutto spiano in ogni momento della giornata (oltre che, ovviamente, il sangue dei poveri co.co.pro impiegati nel suo stesso habitat naturale).

Di solito il team leader ha trascorso, in precedenza, alcuni anni (o mesi, se è stato particolarmente fortunato) a ricoprire il ruolo di addetto al telemarketing a sua volta, dopodiché gli/le è stato assegnato il management di un gruppo di ‘sottoposti’ (…) da seguire. Vi aspettereste, quindi, comprensione, empatia, umanità.

Ma ricordatevi… un team leader nasce per smontare le vostre aspettative, pezzo dopo pezzo.

Partendo dal presupposto che, dopo anni di attività di telemarketing passati a combattere per un appuntamento/contratto e a prendersi improperi in ogni dialetto italiano esistente, egli/ella ha il sistema nervoso fortemente provato, sfrutta il suo nuovo ruolo per sfogare un pò di frustrazione accumulata e prendersi qualche rivincita sulla vita.

Non stupitevi, quindi, se i documentari mostrano questa figura come perennemente incazzosa, sbraitante e nevrastenica: è tutto vero.

Ecco quindi che le attività di motivazione si dispiegano con le seguenti modalità:

1.appostamento alle spalle del telemarketer, con fiato sul collo e sguardo vacuo come se il malcapitato fosse uno scarto sociale o l’ultimo degli inetti;

2.affermazioni di dubbia certezza ma di sicuro effetto sull’operatore: cè ma se non sei capace di fa ‘sto lavoro che è il più facile al mondo, che devi fà scusa?!

3.shock terapy ovvero: urla a tutta forza, a cominciare dal turno di mattina: svegliaaaaaaaaa eddai essù ma che state a ffà? Dormite?! Cè ma non è possibile ragazzi, sono le 9.06 e state ancora a zero? Cè rendetevi conto che di questo passo a fine mese il contratto non è che ve lo rinnovano per simpatia! Ieri ci sono stati sette recessi! Vi state autoeliminando! svegliaaaaaa eddai essù etc. (la shock terapy prevede anche la ripetizione programmata delle stesse frasi con aumento del tono di voce dello 0.5% ogni mezz’ora)

4.metodo avanzato dello scatenamento della insana competizione tra colleghi: ‘okkèi facciamo la lista, giuditta sta a 0, carmela sta a 0, piergiacomo a 2, bravissima ermenegilda che è a 7, vedete chi si impegna con professionalità tutti i giorni? Gianmaria sei solo a metà strada, non è che mò ti rilassi eh?’ I test dimostrano che questo metodo ha la sola funzione di frustrare ulteriormente il giovane telemarketer scatenando istinti suicidi-omicidi.

5.Sabrina Ferilli style (guardatevi Tutta La Vita Davanti se non l’avete ancora fatto): ‘allora oggi chi fa più di 5 appuntamenti e 3 sono positivi, vince una batteria di pentole acciaio inox e una montain bike con cambio shimano! Avete capito? Oh dai, dai, cogliete la palla al balzo!’ Gli studiosi hanno accertato che per arrivare a questa fase, il team leader ha seguito per un ampio periodo di tempo le televendite di Giorgio Mastrota a cui si ispira liberamente.

Ulteriori test di laboratorio su un campione più ampio notano la presenza di un altro genere di team leader, i masticatori a vuoto. Certi ormai che il loro stipendio, aumentato rispetto ai tempi da operatori, non dipenda più da un oscillante operato che comunque non ha molto a che fare con capacità e volontà proprie, si adagiano sulla postazione assegnata masticando senza sosta durante l’intero turno e si smuovono solo per scrivere i famigerati numeri alla lavagna o assistere (con aria scocciata e ripetuta produzione di sbuffi) un’operatrice a cui si è impallato il sistema.

Post volutamente generalista, esagerato e cattivello: non me ne vogliano i team leader ligi al dovere, gentili, sorridenti ed umani che sanno anche capire lo sconforto e la vera e propria disperazione che ci assale alcuni giorni! 🙂

Annunci

3 pensieri su “IL TEAM LEADER

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...