(S)VOLTE

Ok, potete cazziarmi pure.

Vi è concesso, visto che vi ho stressate/i con i miei dubbi esistenziali che mi hanno tolto il sonno per un paio di lunghissime settimane.

Allora, mi sembra doveroso aggiornarvi, anche se con scelte impopolari.

Alea iacta est. Che in italiano vuol dire: la cazzata è stata fatta.

Come qualcuno avrà già immaginato… si. Ho scelto il cuore e seguito l’istinto, il che ovviamente vuol dire accollarsi tutti i rischi, il che ovviamente vuol dire fallire nell’89% dei casi.

Ma io non ho ancora trent’anni, amo ciò che ho studiato, lo faccio con tutta la gioia e la passione del caso. Non ce la facevo, o meglio non ancora, a fermarmi al ‘più stabile ma più brutto’… e così ho scelto l’opzione bellabellissima ed iperprecaria.

Quindi, oggi sono qui, a non sapere quanto durerà, ad avere sempre i soldi contati come prima o poco meglio di prima… ma felice. Una parte di me sente, dannato sentire,di aver fatto la cosa giusta. Perchè la stabilità è importante, importantissima, ve lo dico io che non l’ho ancora mai provata e per questo sono stracredibile.

Ma mi sono sentita ancora troppo giovane, coraggiosa e sicuramente incosciente per sedermi, rassegnarmi e pensare tutti i giorni ‘mi sveglio, vado a lavoro, non imparo molto né cresco professionalmente, però sono abbastanza sicura’.

Ho voluto ancora una volta puntare su di me, su quello che mi piace, su cinque anni di università e gli anni successivi in cui non ho mollato mai. Ho pensato (forse per giustificarmi) che tanto il precariato è ovunque, più nulla è sicuro e allora instabilità per instabilità meglio vivere giorno per giorno, arricchirmi, imparare cose nuove che potrebbero non essermi utili, ma potrebbero invece anche servirmi, o (nel mondo ideale) diventare la mia professione.

Ho puntato tutto sul rosso, ora si vedrà. Non mi pento, non ho rimpianti che forse avrei avuto facendo una scelta diversa, e mi godo quanto di buono quella fatta mi porterà, con un sorriso e con un pò d’orgoglio, quello tipico di quando si fa qualcosa che si ama e che ci serve. Dentro.

Forse, dopo tanta aridità sopportata solo per tirare a campare, avevo bisogno di un pò di rigoglioso ottimismo. Tirerò comunque a campare, ma magari per un pò sarà più sopportabile.

C’era chi mi ha chiesto: ed ora che non sarai più (almeno per qualche tempo) un’operatrice di call center, cosa ne farai del blog?

Sinceramente, come ho già detto, non ho mai pensato di chiuderlo. Questo posto è nato per condividere una (brutta) esperienza, ironizzandoci per alleggerirla un pò, ma già dal secondo post parlava di me, di quello con cui dovevo relazionarmi ogni giorno, di ciò che mi appassiona e dei pensieri che mi passano per la testa.

Così continuerà ad essere: nient’altro che la vita, quella che succede tra un piano e l’altro.

Spero vorrete continuare a leggermi, perchè i vostri incoraggiamenti, consigli e le virtuali ‘pacche sulla spalla’ sono state la sola ragione che mi ha portata qui, da un post all’altro.

Quindi non è un addio, né un arrivederci: io sono sempre qui, e voi?

Annunci

10 pensieri su “(S)VOLTE

  1. uh…direi che sì precaria per precaria hai fatto bene a scegliere quello che ti piace…tanto i call center sono sempre lì…e chi lo sa una botta di cxlo e magari ti si aprono nuove frontiere

    • Ciao Agri! 🙂 Si, una botta di c**o sarebbe proprio ciò di cui avrei bisogno ahahhahahaha Però diciamo che ci vorrà anche tutto il mio impegno e spero di mettercelo! Almeno per un po’, quindi, spero di aver chiuso coi call center… ed anche in caso di emergenza spero di trovare altre alternative a quello!! O.o buon lunedì!

  2. BRAVA! Vedi che le scelte, poi, si fanno? In bocca al lupo e congratulazioni, gioie e dolori ci sono in ogni strada ma ti auguro che saranno più le prime che i secondi. E per ora già mi sembra così. Inutile dirti che sarò sempre una fedele lettrice, anzi, non vedo l’ora di leggere i tuoi aggiornamenti. E buon week end! :*

    • Biuzza dolce, ma grazie *____________* Si, alla fine si sceglie, è inevitabile… e poi le spade di Damocle sono insopportabili! Per il resto, per ora c’è la gioia di una nuova avventura che mi piace, ed il sollievo che ormai è andata, solo il tempo potrà dirmi. Grazie!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...